Le Junior Enterprise, una palestra per giovani intraprendenti

Cosa fare per mettere in pratica le conoscenze teoriche che apprendi a lezione? Semplice! Entri a far parte di una delle 300 Junior Enterprise esistenti, associazioni non-profit in cui gli studenti possono svolgere progetti di consulenza ad aziende o enti presenti nel territorio. Per esempio, noi ragazzi di JETN abbiamo una collaborazione duratura con Trentino Sviluppo, un locale incubatore di Start-Up.

Le imprese che si rivolgono alle JE possono ottenere servizi ad un prezzo inferiore rispetto a quello chiesto dalle normali aziende di consulenza poiché, oltre alla consapevolezza della scarsa esperienza data dal fatto di essere studenti universitari, essendo un’associazione non-profit i membri non ricevono alcuno stipendio, ma i ricavati vengono completamente reinvestiti al suo interno.

D’altra parte, le JE sono considerate un ottimo terreno di pratica per gli studenti universitari, che applicando il metodo di apprendimento del learn by doing riescono a sviluppare caratteristiche personali e soft skills in vista dell’introduzione nel mondo del lavoro. Si tratta quindi di vere e proprie “palestre”, in cui gli associati possono affinare il proprio spirito imprenditoriale sfruttando ciò che imparano sui libri.

La realtà delle Junior Enterprise è presente in tutto il mondo e ogni anno, il 22 di novembre, viene organizzata la Giornata mondiale in cui viene celebrata la diversità dei partecipanti tramite dei concorsi. Per esempio, nell’edizione del 2017 le JE italiane partecipanti hanno girato dei video in cui mostravano il loro valore aggiunto all’interno della rete.

JETN è composta da quattro aree, in cui possono collaborare soci con i background più disparati: la parte Commerciale trova e gestisce le relazioni con i partner dei progetti; l’area HR si occupa di reclutare, gestire e formare gli Associati; l’area Comunicazione promuove e diffonde l’associazione; il fine dell’area Legale è invece la tutela dei suoi interessi giuridici.

Per entrare in una Junior Enterprise non è rilevante la carriera universitaria, ma sono fondamentali la voglia di mettersi in gioco e di migliorare sé stessi. Infatti, dopo un colloquio di gruppo in cui si testa la capacità dei candidati di lavorare in gruppo e in situazioni di difficoltà. Dopo di questo viene organizzato un colloquio individuale per conoscere meglio il candidato ed inserirlo in una delle aree in cui è divisa l’associazione; superato questo si entra a far parte della JE come socio in prova e, dopo un mese, come socio effettivo.

Far parte di un’associazione universitaria è sicuramente uno dei metodi più efficaci per vivere a pieno uno dei periodi più belli, ma anche più impegnativi, della nostra vita; riuscire a mettersi in gioco attivamente, in un ambiente che può essere considerato lavorativo, è un’opportunità di cui gli studenti possono approfittare per investire in sé stessi senza aspettare la fine degli studi per fissarsi obbiettivi professionali più ambiziosi.

Emma Benedetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *