Uno sguardo alle origini

UNO SGUARDO ALLE ORIGINI

L’associazione, qualunque sia la sua natura o nome, è un animale particolare. La si potrebbe definire una sirenetta inversa. Con questo intendo dire che il primo approccio con essa è incerto e titubante. Sì ti piace l’idea che rappresenta, ma non capisci bene quali cambiamenti porterà alla tua vita da universitario. Sì, la gente che già si è associata ti sembra simpatica, ma poi non sai se riuscirai ad integrarti così bene come speri. E allora ti lanci, come un tuffatore dalla piattaforma. Fra tutte le capriole e giravolte che fai prima di deciderti a entrare veramente nell’associazione (l’acqua della piscina), sembra quasi che tutti quei movimenti siano un estremo tentativo di tornarci, su quella piattaforma. Ma alla fine sei avvolto dall’acqua, ed il sentimento che provi è così naturale che non hai più paura, anzi. Così, la associazione è una sirenetta inversa, invece di sedurti ti impaurisce, invece di farti lanciare nel mare in burrasca pur di raggiungerla, ti offre le accoglienti acque di una piscina. Ironico no?

Ma se la piscina non ci fosse? Ti lanceresti lo stesso dalla piattaforma?

Bhe, in un certo senso qualcuno all’inizio deve farlo. Qualcuno deve avere il coraggio di riempirla e di fare il primo tuffo. Noi diamo tutto per scontato, ma Elena, assieme ad uno sparuto gruppo di tuffatori visionari, è riuscita in quell’impresa. Sembra quindi doveroso ringraziarla a nome di tutte le quarantaquattro persone a cui ha dato la possibilità di tuffarsi e che adesso sguazzano beatamente in piscina.

Da una persona così, Elena intendo, dopo aver lasciato JETN camminare con le sue gambe, cosa ci si potrebbe aspettare se non altre sfide accettate e vinte?

Adesso si trova a Rotterdam e lavora presso una azienda innovativa. Si chiama Babysits ed offre una piattaforma che facilita il contatto fra genitori e babysitter. Basta inserire il proprio curriculum e saranno i genitori appartenenti alla community a contattarti attraverso una chat privata e controllata. L’idea è fantastica, soprattutto per noi studenti che abbiamo sempre bisogno di qualche soldo in più in tasca, ma anche per i genitori che hanno sempre meno tempo di cercare un babysitter fra i conoscenti degli amici degli amici.  Anche quest’azienda, come JETN d’altronde, sembra essere indirizzata verso il successo. A proposito, dateci un’occhiata www.babysits.it.

Insomma, la nostra fondatrice si sta dando da fare e sta avendo successo anche nel mare aperto che è il modo del lavoro in questo momento. Brava Elena continua a nuotare!!!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *