News

Shopping di Natale ai tempi del Covid-19

COME LA PANDEMIA DI COVID-19 STA IMPATTANDO SULLE NOSTRE ABITUDINI DI SPESA

La pandemia di Covid-19 che ci ha colpito ad inizio 2020 ha cambiato radicalmente le nostre esistenze sotto diversi punti di vista e, soprattutto il periodo di rigido lockdown disposto tra marzo e maggio, ha ridefinito in modo drastico gli stili di vita degli italiani.

Quanti di noi, durante quel periodo, non hanno acquistato almeno una volta online, e magari articoli che prima non avrebbero mai comprato su Internet? Ebbene, dalle statistiche riperibili sul sito dell’Eurispes, possiamo evincere che, per esempio, in quel periodo il 21,9% degli italiani ha ordinato per la prima volta la spesa a domicilio, mentre il 13,1% dei farmaci.

 

Che sia stato per necessità, per paura di uscire di casa e contagiarsi o semplicemente per comodità, il risultato non cambia: la pandemia ha modificato le nostre abitudini di acquisto, spingendoci a scoprire o intensificare gli acquisti online.

La domanda a questo punto sorge quasi spontanea: questa tendenza a ricorrere sempre più frequentemente allo shopping online continuerà oppure si esaurirà con un lento ritorno alla normalità, sostenuto dall’intensificarsi della campagna vaccinale?

Per il momento, Salesforce, azienda leader mondiale nel CRM (Customer Relationship Management), ha stimato che nel periodo pre-natalizio le vendite online cresceranno del 30% rispetto al 2019, nonostante le vendite complessive durante le festività rimarranno stabili.
Questo dato può essere letto come un fattore critico per i punti vendita fisici o come un’opportunità per innovare il proprio business, andando incontro alle esigenze dei consumatori in continua evoluzione.
Molteplici soluzioni possono entrare in gioco: dalla realtà aumentata per progettare dei customer journey completamente digitali, allo sviluppo di nuovi intermediari online e ottimizzazione di UX / UI per incontrare nuovi clienti in arrivo sul canale digitale per gli acquisti.

Online shopping concept